Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
30 luglio 2011 6 30 /07 /luglio /2011 18:12

Situata a Pompei, la Villa dei Misteri è una tappa obbligata per chiunque voglia studiare la civiltà romana o la vita di Pompei ed Ercolano al momento dell'eruzione del Vesuvio. In questo articolo troverete informazioni sull'importanza della pittura nella villa di Pompei, la sua storia e qualche foto dei "misteri" descritti dagli affreschi della Sala dei Misteri.

Informazioni generali

La cosiddetta Villa dei Misteri è una delle ville rustiche pompeiane meglio conservate, posizionata a circa 800 metri a nord-ovest della città stessa; gli studiosi la considerano una villa suburbana (suburbanum) appartenuta forse a Livia, moglie di Ottaviano Augusto. Nel corso dell'eruzione del vulcano Vesuvio nel 79 d.C. è stata ricoperta di cenere, lapilli ed altri materiali, ma fortunatamente le decorazioni interne e gran parte dell'architettura esterna non hanno subito danni irreparabili; gli scavi archeologici hanno riportato alla luce, oltre agli affreschi, anche numerosi corpi di persone sorprese dall'eruzione, la cui posizione è stata preservata dalla cenere solidificatasi intorno ad essi.

Turisti e visitatori possono accedere alla Villa anche senza passare in precedenza attraverso gli altri scavi archeologici della zona pompeiana.

Storia della Villa dei Misteri

I dipinti rinvenuti sulle pareti della Villa dei Misteri non sono affatto semplici "pitture rustiche", come si potrebbe pensare: si tratta infatti di affreschi molto raffinati, che danno il nome alla villa perché ritraggono una giovane donna nelle varie fasi dell'iniziazione ad un culto dionisiaco. Secondo l'interpretazione più recente ed accreditata, del 2008, gli affreschi sono quattordici illustrazioni di ciò che avveniva nella Sala dei Misteri, adibita allo svolgimento dei misteri eleusini (più precisamente, tale stanza era utilizzata come Telesterion ed Hades: in essa, cioè, veniva ricordata agli astanti la discesa agli inferi di Persefone). Paul Veyne, in epoca precedente, sostenne che i dipinti raffigurassero una ragazza in procinto di sposarsi.

Nel resto della villa sono presenti resti di stanze raffinate ed eleganti per cene affollate e ricevimenti, ma anche spazi più funzionali: durante i lavori di scavo è stata rinvenuta anche una pressa per il vino, strumento non inusuale nelle vigne di campagna di liberti e patrizi che cercano l'autarchia almeno dal punto di vista alimentare e vogliono offrire agli ospiti i prodotti dei loro campi coltivati.

Villa dei Misteri a PompeiVilla dei Misteri a PompeiVilla dei Misteri a PompeiVilla dei Misteri a Pompei

Condividi post

Repost 0

commenti