Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
28 agosto 2011 7 28 /08 /agosto /2011 10:33

Passeggiando per strada, soprattutto nei vecchi quartieri, è frequente trovarsi di fronte a pareti tappezzate di manifesti funebri, cabine telefoniche con qualche necrologio o bacheche dedicate a foto funebri e testi di annuncio mortuario. Quest'usanza è diffusa solo in Italia o anche in altri paesi del mondo? Leggete il resto dell'articolo per saperne di più!

In Italia

Necrologi, immagini funebri, manifesti funerari (o mortuari che dir si voglia) e annunci mortuari sono ormai in Italia una tradizione che, a dispetto degli anni, è ancora viva: soprattutto in zone rurali o quartieri del centro-sud abitati da anziani, il cartello o manifesto funebre (il "manifesto da morto") è un dovere sempre rispettato in caso di lutto in famiglia. Le vie del quartiere si riempiono quindi di avvisi in cui è riportato il nome del defunto, una frase di circostanza scelta dalla famiglia, il luogo e la data del funerale, in modo che chiunque lo voglia possa fare le condoglianze ai parenti, partecipare al funerale o sostenere in qualche modo i familiari in lutto. In alcune città sono anche disponibili apposite bacheche su cui affiggere il proprio cartello; Internet, invece, offre moltissime risorse per creare manifesti funebri o per spiegare come si crea un necrologio serio e partecipato.

Nel mondo

A molti potrà sembrare incredibile che i turisti, vedendo la profusione di manifesti funebri affissi sui muri (e non solo) italiani, si stupiscano di questa usanza: a ben pensarci, sbandierare ai quattro venti il lutto di un parente con frasi di circostanza può sembrare volgare, o quantomeno indelicato, perché il lutto dovrebbe essere un evento da vivere con riservatezza nell'intimità della propria famiglia.

I visitatori che vengono dall'estero trovano strano che in Italia si usi affiggere manifesti funebri e, soprattutto, che queste affissioni siano "selvagge" - su muri, cabine telefoniche, cartelloni pubblicitari, pali della luce, fermate del bus e chi più ne ha più ne metta (d'altra parte, l'affissione selvaggia non riguarda solo il settore mortuario...). All'estero si usa mandare cartoline funebri ai parenti più stretti, agli amici di famiglia, ai colleghi e a tutti gli amici del defunto, senza informare del decesso tutti gli abitanti della via; da noi, soprattutto al Meridione, è ancora diffuso l'utilizzo dei telegrammi. Sarà perché il sistema postale renderebbe arduo e lentissimo l'invio di cartoline?

entierro-14
Repost 0
27 agosto 2011 6 27 /08 /agosto /2011 10:39

In questo articolo troverete informazioni su come si trasmette l'AIDS, come è possibile prevenirlo e quali leggende metropolitane continuano a circolare in merito anche nella nostra società dell'informazione: il tema è troppo importante per non essere trattato e, anche se l'articolo è breve, si spera che possiate comunque reperire notizie utili.

Trasmissione

Il virus dell'HIV si trasmette essenzialmente in tre modi, cioè attraverso:

  • rapporti sessuali non protetti (in cui i fluidi sessuali di un partner entrano in contatto con le mucose genitali, orali o rettali dell'altro partner);

  • il sangue (sono a rischio gli utilizzatori di droghe endovenose, gli emofiliaci, i riceventi di trasfusioni di sangue, plasma e piastrine, chi si fa praticare piercing o tatuaggi);

  • la maternità (il virus passa dalla madre al figlio nell'utero, con il parto naturale e con l'allattamento al seno, ma il rischio si riduce all'1% con trattamenti preventivi e parto cesareo).

Prevenzione

Dal momento che i rapporti sessuali non protetti sono la principale causa di contagio nel mondo, è bene proteggersi o, comunque, essere assolutamente certi delle abitudini sessuali del proprio partner attuale; peraltro le malattie sessualmente trasmissibili incrementano il rischio di trasmissione del virus dell'HIV, poiché provocano la rottura della normale barriera epiteliale e provocano l'accumulo di cellule infette all'interno dello sperma e delle secrezioni vaginali. Si può prevenire efficacemente il contagio utilizzando preservativi maschili, preservativi femminili o Dental Dam nel caso di cunnilingus (non fellatio); a seconda delle abitudini sessuali delle persone, il governo degli Stati Uniti propone l'Approccio ABC (Abstinence, Being faithful, Condom: Astinenza, fedeltà, profilattico).

Leggende metropolitane

Vediamo quali sono gli errori più comuni dovuti all'ignoranza della gente in merito all'AIDS:

  • HIV e AIDS sono sinonimi (no, l'HIV è solo il virus che può portare a contrarre l'AIDS);

  • esiste una cura efficace contro l'AIDS (no, solo rimedi temporanei);

  • avere rapporti sessuali con una vergine o con degli animali cura la malattia (no! Rapporti del genere mettono a rischio le giovani donne, contribuiscono a diffondere la malattia e comportano la contrazione di malattie dagli animali);

  • il test per l'HIV è inaffidabile (tutt'altro!);

  • l'HIV si può diffondere tramite contatto casuale e punture di zanzare (no, c'è bisogno del contatto dei fluidi detti prima e le zanzare non sono fonte di contagio);

  • il sesso orale non crea problemi (no, leggete il paragrafo precedente);

  • solo gli omosessuali e i drogati hanno l'AIDS (tutt'altro! I più contagiati sono proprio i maschi eterosessuali infedeli).
pasaje
Repost 0
25 agosto 2011 4 25 /08 /agosto /2011 08:15

Se negli anni Ottanta siete stati fan di Moonlighting - Agenzia Blue Moon, di certo avrete acquistato il cofanetto con i DVD delle prime due stagioni; se non avete mai sentito parlare della serie televisiva, leggete questo articolo per scoprire la trama e sapere quali sono i contenuti speciali dell'edizione in vendita. Proseguite la lettura per saperne di più su Moonlighting in DVD.

Trama

Moonlighting, con Bruce Willis (i fan lo ricorderanno senz'altro nel ruolo di David Addison) e Cybill Shepherd (Madelyn Hayes), è un tipico esempio di "drammedia", ovvero un pastiche cinematografico con elementi romantici, commediali, drammatici e polizieschi; hanno partecipato allo show, che negli Stati Uniti è diventato un vero e proprio fenomeno di costume, anche Orson Welles, Whoopi Goldberg, Timothy Leary e Demi Moore.

Moonlighting, la serie TV tradotta in Spagna con Luz de Luna, ha come oggetto le indagini investigative dei due protagonisti e comincia con la bancarotta di Maddies Hayes, che dopo aver abbandonato il lavoro di modella scopre di essere stata derubata dal commercialista; la donna decide allora di riprendere in mano un'agenzia acquistata anni prima, insieme a un collega molto particolare. Lei ha un carattere algido, mentre lui ha un temperamento focoso ed è sempre pronto ad attaccar briga: riusciranno i due ad andare d'accordo?

Recensione

Il cofanetto contiene 6 DVD a doppio strato e faccia singola, prodotti da Picturemaker Productions - ABC Circle Films e distribuiti da Sony Pictures Home Entertainment; a fine estate 2011 il prezzo è intorno ai 47 €.

Il formato video è, come nelle trasmissioni originali su Rete 4 e Rai 2, in 4:3; i film possono essere ascoltati in inglese, italiano e spagnolo, mentre sono sottotitolati in inglese, inglese per non udenti, spagnolo, portoghese, danese, finlandese, svedese, norvegese, olandese. La durata complessiva dei 24 episodi che compongono il cofanetto è di 1140 minuti (che equivalgono a 19 ore).

Il sesto disco comprende contenuti speciali sottotitolati in italiano, per un totale di 42 minuti:

  • "Non è solo un impiego - Storia di Moonlighting" (15 minuti);

  • "Dentro l’agenzia investigativa Blue Moon – La storia di Moonlighting, seconda parte" (15 minuti e mezzo);

  • "Il fenomeno Moonlighting" (11 minuti e mezzo).

Tutti i fan che hanno acquistato il cofanetto si sono detti soddisfatti e nessuno ha avuto reclami da proporre all'editore: la qualità audio e video è ottima, i sottotitoli funzionano opportunamente e i contenuti extra sono interessanti per chi ha sempre seguito la serie con interesse.

Moonlighting
Repost 0
Published by kappi - in TV e Personaggi
scrivi un commento
19 agosto 2011 5 19 /08 /agosto /2011 00:45

Qual è la storia di Jerry Lewis, il famosissimo comico degli USA? Leggete questo articolo per saperne di più sulla sua biografia e sulle ombre che hanno minato la sua carriera in passato e, talvolta, continuano a farlo nel presente. Scorrete in basso la pagina per trovare informazioni sulla biografia e sul lavoro di Lewis Jerry!

La brillante carriera

Jerry (non Jerri) Lewis, nome d'arte di Joseph Lewitch, è nato a Newark il 16 marzo del 1926 ed è famoso in tutto il mondo come il più grande comico americano del dopoguerra; lavora anche come attore e come regista.

Nasce in una famiglia di origini ebraiche e, poco brillante negli studi, si fa subito notare per le imitazioni di compagni e professori; mette in scena brevi sketch nelle pause durante i lavori occasionali che svolge, iniziando poi a fare tournée negli Stati Uniti e in Canada dopo essere stato esentato dal servizio militare a causa della perforazione di un timpano.

Nel 1946, due anni dopo il matrimonio con Esther Calonico (Patty Palmer), conosce e porta alla ribalta Dino Crocetti, poi meglio conosciuto come Dean Martin. Il duo ha da subito un incredibile successo e, per dieci anni, domina il palcoscenico: i due riescono a farsi conoscere in tutti gli Stati Uniti, prima lavorando nei night club, poi comparendo in un programma radiofonico, infine come attori per la televisione e per il cinema. Separatisi a causa della sempre minore importanza data a Dean Martin, i due non formeranno più coppia fissa e da ora in avanti sarà Jerry Lewis ad attirare su di sé tutta l'attenzione del pubblico (come comico, attore, regista e persino cantante).

Negli ultimi anni la salute di Lewis ha cominciato a vacillare: il comico ha dovuto sopportare la rottura di una vertebra, una crisi di nervi, una fortissima meningite virale, un cancro alla prostata, il diabete e la fibrosi polmonare.

Il rovescio della medaglia

Nonostante i molti riconoscimenti ottenuti e la grande fama a livello internazionale, Jerry Lewis è stato spesso criticato dalle associazioni per i diritti dei disabili (perché li scimmiotta e minimizza i loro problemi, come nel saggio If I had muscular distrophy) e da tutti coloro che ritengono antiquate and offensive tutte le invettive e le battutine nei confronti delle donne e degli omosessuali: Lewis, infatti, dice più volte di ritenere le donne delle semplici "macchine sforna-figli" e non si esime da battute anche pesanti sui gay.

Insomma, comicità sì, ma con moderazione!

Jerry Lewis, comico statunitenseJerry Lewis endorsing the Ricoh Auto 35 camera - 1960
Repost 0
Published by kappi - in TV e Personaggi
scrivi un commento
18 agosto 2011 4 18 /08 /agosto /2011 13:09

Quali sono i motivi che tengono i "bamboccioni" italiani così legati alla casa dei genitori? Cosa si potrebbe fare per arginare il problema e rendere più facile la vita a questi giovani e alle loro famiglie? Come è vissuta questa situazione all'estero? Leggete l'articolo per trovare risposte a queste e altre domande sull'argomento.

Cause del problema

Attualmente in Italia più del 70% dei giovani di età compresa tra 18 e 30 anni continua a vivere nella casa dei genitori: ragazze e ragazzi vittime della disoccupazione e dei prezzi esosi imposti dagli uffici immobiliari, oppure semplici sfruttatori del denaro e dei sacrifici di altre persone (in questo caso la famiglia d'origine)?

Il problema non è di facile soluzione, ed è certo che la maggior parte dei giovani che vivono con i genitori non desidera altro che di trovare una sistemazione autonoma e un reddito sicuro. Altro che 1000 € di sostegno statale! Servirebbe almeno avere un reddito minimo, un reale sussidio di disoccupazione, agevolazioni fiscali e riduzioni delle folli cifre richieste per l'affitto o l'acquisto di un'abitazione.

In mancanza di aiuti del genere, la famiglia rimane un supporto necessario e ineliminabile. Bisogna anche notare, però, che spesso è la famiglia stessa a ostacolare l'indipendenza dei figli, a impedire che se ne vadano, a ritardare il più possibile la loro presa di coscienza e a vivere l'allontanamento dei ragazzi dal "nido familiare" come un fallimento personale o come una carenza educativa.

Confronto con l'estero

Considerazioni del genere sono del tutto assenti dai paesi esteri, sia in Europa che negli altri continenti, dove un giovane che rimane a vivere con i genitori per così tanto tempo viene giudicato pigro, scarsamente maturo o problematico.

Anche se la mentalità degli altri paesi è così diversa (più avanzata?) dalla nostra, i problemi che incombono su di noi non sono estranei nemmeno al loro mondo: il futuro è sempre più incerto per tutti, non offre garanzie o sicurezze, e dunque anche il coraggio e la voglia di costruirsi da soli la propria indipendenza sta venendo meno.

L'emigrazione, il matrimonio e lo studio all'estero (come nei programmi Erasmus) sono ancora motivazioni valide per andar via di casa, ma persino in paesi avanzati come l'Inghilterra, la Germania e il Giappone il fenomeno dei giovani "mammoni" sta aumentando a dismisura; in questi paesi i ragazzi non indipendenti vengono chiamati rispettivamente kippers (kids in parents pockets eroding retiremen saving, "ragazzi nelle tasche dei genitori che consumano i fondi per la pensione), nesthockers ("quelli che non abbandonano il nido") e parasaito shinguru (letteralmente, "single parassiti").

Zona 30 (?)
Repost 0
17 agosto 2011 3 17 /08 /agosto /2011 09:25

Di cosa si occupa un EPC Contractor? Quali sono i suoi compiti? In base a cosa viene retribuito? Come si fa a diventare EPC Contractor? Leggendo questo articolo troverete tutte le risposte che cercate in merito a questa recente e utile professione.

Compiti e competenze di un EPC Contractor

L'EPC, acronimo di Engineering, Procurement and Construction, è una forma comune di contratto lavorativo all'interno dell'industria delle costruzioni: una volta stipulato, il contraente (general contractors, se più di uno) si impegna a curare l'installazione, la ricerca dei materiali e la costruzione del progetto assegnatogli. Il pagamento corrisposto per un EPC engineering contract, pattuito con l'azienda prima dell'inizio dei lavori, dipende soprattutto dal rischio comportato dal lavoro: tale componente è di tale importanza che talvolta si sceglie addirittura di ripiegare su un contratto meno impegnativo, di tipo EP o E and P (Engineering and Procurement, senza la parte relativa alla costruzione). Bisogna però specificare che, in alcuni casi, un contratto di questo tipo è proposto da aziende che vogliono curare in prima persona l'aspetto costruttivo senza affidarsi a terzi.

I motivi per cui un'industria può scegliere di rivolgersi ad un EPC Contractor sono molti:

  • delegare a terzi le responsabilità della costruzione per avere meno peso;

  • riversare tre esigenze differenti in un unico contratto, più facile da controllare;

  • l'EPC Contractor è una figura qualificata e specializzata in grado di svolgere un lavoro di sicura qualità;

  • l'industria non risente delle variazioni di mercato.

Il contratto dovrà poi specificare lo scopo e le specifiche tecniche del progetto, la qualità richiesta, la durata del lavoro e il costo previsto (da cui dipenderà il pagamento da corrispondere all'EPC Contractor).

Ambienti lavorativi

I general contractor italiani generalmente diventano EPC Contractor nel fotovoltaico e nel fruttuoso ramo dell'energy environment; l'azienda più famosa in questo senso è la Ippocrate AS S.r.l., ribattezzata per brevità Ippo Energy.

Bisogna ricordare che il contratto EPC è molto complesso e costringe l'EPC Contractor a conoscere nel dettaglio tutti gli aspetti delle varie fasi del suo lavoro e a sapersi muovere con destrezza negli ambienti lavorativi più disparati. Importanti ambiti in cui è richiesta una preparazione del genere sono:

  • mercati locali (per recuperare materiali e manodopera);

  • disponibilità di personale;

  • disponibilità di servizi ingegneristici a livello locale e globale.
Pretty woman architect holding blueprints
Repost 0
16 agosto 2011 2 16 /08 /agosto /2011 11:39

Se desiderate avere un internet website ma non avete tempo o non sapete come fare, seguite i consigli di questo articolo per scoprire come creare un proprio sito web gratis e pubblicarlo in Rete. Proseguite la lettura per saperne di più!

Creare un sito in HTML

Come aprire un sito web? La risposta è più semplice del previsto: non serve conoscere il linguaggio HTML alla perfezione per realizzare un prodotto di qualità, semplice ma comunque completo. La creazione del proprio sito personale può essere realizzata gratuitamente utilizzando un editor WYSIWYG (dall'inglese What You See Is What You Get), che permette di costruire un sito disegnando, scrivendo e tracciando le sue varie parti come in un documento di testo, senza che venga richiesto l'inserimento del codice specifico; naturalmente, se avete qualche conoscenza di HTML potrete farla fruttare inserendo qualche aggiunta nelle pagine realizzate.

In alternativa, potrete evitare di scaricare programmi ed affidarvi ad un editor online come quello proposto da Altervista, completamente gratuito e facile da utilizzare anche per chi non ha nemmeno nozioni di base di scripting, programmazione e creazione di siti web.

Pubblicare online il sito realizzato

L'ottenimento dell'hosting di domini gratis non è più un miraggio: in rete è possibile trovare decine di servizi che offrono hosting PHP e MySQL, piattaforme CMS integrate ed altre proposte ancora; tutti, generalmente, propongono almeno la possibilità di pubblicare un sito in HTML semplice e di avere un webhosting PHP per database di bassa o media potenza.

Se è vero che talvolta servizi del genere sono piuttosto invasivi a causa della pubblicità che inseriscono nelle pagine, bisogna pur riconoscere che nella maggior parte dei casi consentono a chi lo desideri di pubblicare siti di modeste o sostenute dimensioni e di gestirli come meglio crede senza limitazioni di sorta. Anche in questo caso è Altervista l'hosting migliore, poiché non obbliga a inserire pubblicità nelle pagine pubblicate, garantisce spazio e banda senza limiti (i confini iniziali possono essere aumentati all'infinito) e dà addirittura la possibilità di guadagnare con il proprio sito (nel caso in cui si decida, in tutta libertà, di introdurre banner pubblicitari nelle pagine).

Affidandovi a suggerimenti del genere, riuscirete a realizzare il sito dei vostri sogni in pochissime ore di lavoro!

Deactro website - Dashboard
Repost 0
15 agosto 2011 1 15 /08 /agosto /2011 08:49

L'azienda Giordano Vini è da oltre cento anni all'avanguardia nella produzione vinicola e nella vendita (all'ingrosso e al minuto) dei prodotti realizzati. In questo articolo troverete informazioni sulla storia dell'azienda e sulla ricca gamma di prodotti che offre. Proseguite la lettura per saperne di più.

Presentazione dell'azienda

La Giordano Vini SPA produce vino (vini rossi e bianchi) di qualità dal 1900, situata in Piemonte nella Valle Talloria. Nel corso delle quattro generazioni che si sono succedute a capo della prestigiosa azienda, l'eredità dei fondatori è stata sempre conservata e protetta alla luce delle moderne innovazioni e delle proposte personali: l'amore per la terra e la passione per la produzione vinicola della Giordano Vini si sposano perfettamente con le tecnologie attuali, in grado di garantire il controllo accurato dei prodotti e di promuovere la conoscenza dei prodotti anche all'estero.

Le radici contadine dell'azienda, dunque, non solo non sono state tradite dall'introduzione dei macchinari moderni e dell'utilizzo di Internet, ma anzi sono state valorizzate e potenziate grazie a questi strumenti. A tutt'oggi è Marco Prando il manager di e-commerce e web marketing dell'azienda vinicola Giordano Vini.

Gamma dei prodotti

Sul sito Giordanovini.it è possibile acquistare il vino "Giordano Vini" online, consultare il ricco catalogo senza necessità di iscrizione ed accedere a tante altre informazioni sulla storia dell'azienda, sulle confezioni prodotte, sui contatti con il pubblico e altro ancora.

Il vino in vendita, come anche il vino in offerta, è bianco, rosato o rosso, e presenta molte varietà a seconda del prezzo (meno di 5 €, tra 5 e 10 €, tra 10 e 15 €, oltre 15 € a bottiglia), dell'invecchiamento (invecchiati, quotidiani, speciali, grappe, liquori) e della regione di provenienza dell'uva (Piemonte, Lombardia, Veneto, Toscana, Umbria, Marche, Abruzzo, Puglia, Sicilia).

La Giordano Vini non vende solo vini e liquori, ma anche altri prodotti alimentari che si accompagnano alla fruizione dei prodotti vinicoli di cui sopra: nel ricco catalogo sono disponibili anche confezioni regalo di specialità alimentari, così come confezioni più modeste di olio, aceto, antipasti, salumi, condimenti, primi piatti, frutta sciroppata e dolci tipici locali.

Termina l'offerta online una serie di accessori per la casa e la cucina che, se non indispensabili, sono almeno decorativi e suggestivi. Un must per i clienti affezionati della Giordano Vini.

accessoires 251Wine Group: Pizza Wines
Repost 0
Published by kappi - in Vini e Spumanti
scrivi un commento
15 agosto 2011 1 15 /08 /agosto /2011 08:21

Leggendo questo articolo scoprirete quali sono le condizioni da rispettare e i parametri da conseguire per ottenere dalle banche i finanziamenti per privati necessari alla realizzazione del vostro impianto fotovoltaico. Proseguite la lettura per saperne di più.

Informazioni generali

Per realizzare impianti fotovoltaici i costi sono meno leggeri di quanto si possa pensare: per questo motivo le banche e ciascuna regione offrono finanziamenti, di importo e caratteristiche variabili, a chi necessiti di incentivi per l'impianto solare.

I contributi e un eventuale finanziamento per il fotovoltaico sono regolati, oltre che dal generico Decreto Legislativo del 2007 sulle energie rinnovabili, anche da singole proposte delle banche, che offrono varie tipologie di finanziamento a tassi agevolati per l'acquisto e l'installazione di impianti fotovoltaici di piccole dimensioni.

I beneficiari di queste offerte sono gli acquirenti di impianti per l'energia solare che ne abbiano fatto regolare richiesta al Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale. Il finanziamento, che ha una durata massima di quindici anni (oltre preammortamento tecnico), può essere concesso in caso di:

  • spesa totale inferiore o uguale a 1.500.000 € (finanziamento al 100%);

  • potenza compresa tra 1kW e 1MW (1000 kW);

  • entrata in funzione dopo il 30 settembre 2005 per nuova costruzione o rifacimento (o potenziamento) di un impianto preesistente.

Quali banche aderiscono all'iniziativa?

In questi ultimi tempi, a causa della crisi energetica, stanno aumentando a vista d'occhio gli istituti bancari che concedono finanziamenti a chi intende impegnarsi nella produzione di energie pulite. Le banche finora attive in questo senso sono:

  • Credito Cooperativo;

  • Monte dei Paschi di Siena (con pacchetto "Welcome Energy" non limitato soltanto agli impianti fotovoltaici, ma a tutte le energie pulite);

  • San Paolo e San Paolo Imprese (con programma di finanziamenti personalizzato per privati ed aziende);

  • Banca Popolare Etica (per il fotovoltaico, ma non solo);

  • Banca Popolare Pugliese (limitata al fotovoltaico);

  • Prestitempo / Gruppo Deutsche Bank (l'accordo con la Suntechnichs per finanziamenti di impianti fotovoltaici garantisce la copertura totale delle spese e nessun costo iniziale);

  • Gruppo UBI Banca / Banca Popolare di Bergamo, Banco di Brescia, Banca Popolare Commercio e Industria, Banca Regionale Europea, Banca Popolare di Ancona, Banca Carime, Banca di Valle Camonica, Banco di San Giorgio (oltre ai consueti finanziamenti alle aziende, il progetto "Città mia" della Banca Popolare di Bergamo è rivolto espressamente ai privati).
1 Impianto fotovoltaico integrato a Piossasco | Source | Author Lasigr
Repost 0
13 agosto 2011 6 13 /08 /agosto /2011 00:03

Di cosa si occupa la chimica moderna? E quali sono i collegamenti, se ancora ci sono, con l'alchimia medievale? In questo articolo troverete risposte a queste ed altre domande ancora! Continuate a leggere per saperne di più.

Origini della Chimica

La chimica nasce con l'alchimia e, infatti, prende il nome proprio dalla parola araba "al kimiaa". Essa si sviluppa in Egitto a partire dal II secolo a.C. ed è costituita da una serie di conoscenze naturali spesso miste a connotazioni di carattere magico, filosofico ed esoterico; questo genere di studi continua in Alessandria d'Egitto fino al V secolo d.C., grazie a numerosi alchimisti alla ricerca di una "pietra filosofale" che potesse garantire l'onniscienza, essere una panacea indefettibile e trasformare tutti i metalli vili in oro.

Ma è solo alla fine del XVIII secolo che tali studi possono prendere il nome di chimica moderna, finalmente investiti dall'autorevolezza della contemporanea rivoluzione scientifica.

Campo di studi attuale

Oggigiorno la chimica ha abbandonato il proposito di creare l'oro e conquistare l'immortalità: si occupa infatti di studiare la struttura e le proprietà dei costituenti minimi della materia, ovvero le interazioni reciproche tra atomi e molecole che danno origine ai vari stati (liquido, solido, gassoso, plasma); questo studio non riguarda solo i prodotti finiti, ma anche il processo di realizzazione (in tal caso si parla, come vedremo, di reazioni chimiche).

La chimica moderna è "convenzionale" se studia il reticolo cristallino e le interazioni degli orbitali elettronici di atomi limitrofi, "nucleare" se investiga la natura delle relazioni interne al nucleo dell'atomo. È un campo di studi di fondamentale importanza, perché connette rami del sapere molto distanti come fisica, astronomia, scienze dei materiali, geologia, biologia e matematica.

Reazioni chimiche

Le reazioni chimiche sono processi che portano a sostanze finali a partire da reagenti iniziali. Non avvengono solo in laboratorio: anche attività come mangiare, respirare, concimare una pianta o cucinare sono operazioni chimiche che comportano reazioni a livello atomico!

Esempi di reazioni che si verificano in tanti momenti della natura, della vita umana e dello studio di laboratorio sono le ossidoriduzioni, le reazioni acido-base, la decomposizione, il doppio scambio, le precipitazioni e le reazioni organiche.

Per ulteriori approfondimenti, si rimanda a:

  • It.wikipedia.org ;

  • Kappi.altervista.org .
Pillole, medicine, chimica
Repost 0